Nell’ultimo periodo si stanno affermando una serie di band autrici di uno speed/thrash metal stilemico ma non per questo privo di impeto e cattiveria. Questo potrebbe riflettere la volontà di rispondere alla necessità di dare voce a un momento storico in cui l’incertezza e le paure debbano essere esorcizzate attraverso un grido di rabbia e di liberazione.

Parte di questo gruppo sono anche le Jenner, che con questo “Prove Them Wrong” si presentano alle nostre attenzioni con un prodotto sicuramente di buona fattura, che pare voler mettere in chiaro che non saranno i cambi di formazione a fermare la furia iconoclasta della loro musica.

Il detto “poca brigata vita beata” regna sovrano nelle atmosfere furiose, estremamente radenti il metronomo, in cui Aleksandra Stamenkovic (voce e chitarra) è sostenuta da una sessione ritmica antitetica anagraficamente (la giovanissima Anja Mircovic e l’esperta Selena Simic alla batteria) ma non per questo priva di quella sicurezza che serve per tessere le trame di un lavoro sicuramente non innovativo, ma fatto obiettivamente bene. Momenti di classici skank beats si alternano con mid tempos in cui è il palm muting a farla da padrone. La voce, obiettivamente, avrebbe potuto apportare più livore al lavoro se avesse esacerbato il registro graffiato.

Il fatto che l’album sia effettivamente stilemico produce dei momenti di ripetitività che qua e là fanno capolino (forse per rimanere in una comfort zone in cui il pubblico speed/thrash si trova a suo agio). Per il resto la produzione granitica ed una esecuzione complessiva più che buona ci regalano un album dove è la sostanza che regna e non l’apparenza. Forse è questo che cercavano di dire le nostre con “Prove Them Wrong”? Chi lo sa, intanto godiamoci questo buon’album e speriamo di sentire nuovamente parlare di questa band, magari nei palchi nostrani.

Voto 7/10