Ecco le nostre classifiche dell’anno!! Musica, divertimento e qualche polemica!!

Consapevoli che non si può ascoltare tutto e che ogni classifica illustra la situazione in quel singolo momento e certi che nei prossimi mesi scopriremo tanti dischi dell’anno appena trascorso che avrebbero meritato di stare in classifica, tracciamo adesso una linea di “stop” e la situazione è quella che vedete qui sotto. Abbiamo deciso di inserire un massimo di 25 dischi, ma come vedrete per qualcuno è stato difficile arrivare a tre titoli. Buon divertimento e buone polemiche!!

Luca Pizzimbone

Anche quest’anno stilare una lista dei 25 album che ritengo migliori nel 2023 è stata una fatica enorme, avendone dovuto escludere diversi altri che meriterebbero comunque dii essere inclusi:

Ho usato il termine lista poiché proprio di questo si tratta e l’ordine è puramente alfabetico.

Rispetto all’anno passato ho anche inserito a parte un elenco di 5 album dal vivo assolutamente degni di nota:

  • Avkrvst: The approbation >Progressivi e glaciali
  • Balletto di Bronzo (Il): Lemures > Follia compositiva del futuro
  • Bottomless: The banishing > Il doom parla Italiano
  • Creeper: Sanguivore > Goticamente assoluti
  • Crimson Dawn: It came from the stars > Epic doom metal tricolore
  • Crown Lands: Fearless > Eccellenze canadesi
  • Dead Feathers: Full circle > Summer of love nordica
  • Edgar Broughton: Break the dark > Sofferenza espressa con classe infinita
  • Goat: Medicine > Il coraggio di sperimentare
  • Green Lung: This heathen land > Di caratura superiore
  • Greta Van Fleet: Starcatcher > Conferma ai vertici del rock
  • Hex A.D.: Delightful sharp edges > Misteriosi e unici
  • Isole: Anesidora > Epic doom di alto livello
  • Malombra: T.R.E.S. > Ritorno insperato e altro capitolo di storia
  • Mater a clivis Imperat: Carmina occulta > Sinfonia del buio
  • Myrkur: Spine > Melodie ancestrali sulla neve
  • Rival Sons: Darkfighter / Lightbringer > Doppietta di classe hard rock and soul
  • Runaway Totem: Creators > Il cosmo parla Zeuhl
  • Segno del Comando (Il): Il domenicano bianco > Ennesima sublime conferma
  • Sophya Baccini’s Aradia: Runnin’ with the wolves > Bellezza in musica
  • Spidergawd: Spidergawd VII > L’hard rock del terzo millenio
  • Tekeli: Tekeli > Musica di e da altre dimensioni
  • TusmØrke: Hestehoven > Oltre i confini del progressive
  • Vanishing Kids: Miracle of death > Dark, goth, metal, psych, prog… che altro?
  • Wytch Hazel: IV-Sacrament > Passione per i Thin Lizzy in chiave epica

LIVE

  • Dool: Visions of Summerland – Live at Arminius Church Rotterdam > Affascinanti e oscuri
  • Messa: Live at Roadburn > Eccellenza italiana da esportazione
  • Orphaned Land: A heaven you may create (30th anniversary) > Desert rock e orchestra
  • Villegars of Ioannina City: Through space & time – Alive in Athens > hard psych di classe
  • Wucan: Live at The Deutschlandfunk > Nati per stare sul palco

Alberto Centenari

Per quanto riguarda il sottoscritto e le scene Rock e Blues di cui mi occupo su BackInRock, l’anno che va a concludersi è stato sicuramente positivo, con tante nuove Band da scoprire, vecchi leoni ancora sul mercato e tanta buona musica da ascoltare.

Prima di lasciarvi al mio personale elenco di quelle che, tra le tante straordinarie proposte con cui mi sono confrontato sono state le più vicine alla mia anima (ormai venduta per pochi dollari ad un crocicchio perso tra le strade assolate della mia amata Liguria), vorrei ricordarvi l’importanza della musica, qualsiasi essa sia, nobile arte di cui ci siamo innamorati tanti, troppi anni fa e che alle soglie dei sessant’anni, scorre ancora inesorabile dentro di noi.

“La musica è una necessità.

Dopo cibo, aria, acqua e calore, la musica è l’altro bisogno primario della vita” (Keith Richards)

-Bad Touch/Bittersweet Satisfaction (Hard Rock)  

-Bourbon House/The Fourth Album (Rock)

-Child/Soul Murder (Heavy Blues)

-Christone ‘Kingfish’ Ingram/Live In London (Blues)

-Joe Bonamassa – Blues Deluxe Vol.2 (Blues)

-Neil Morse/The Dreamer-Joseph, Pt1 (Progressive Rock)

-Parker Barrow/Jukebox Gypsies (Southern/Blues Rock)

-Pristine/The Line We Cross (Hard Rock/Blues)

-Robert Jon & The Wreck/Ride Into The Light (Southern Rock)

-Sass Jordan/Live in New York Ninety-Four (Blues)

-Siena Root/Revelation (Rock/Psych/Blues)

-The Curt Towne Band/At It Again (Southern Rock)

-The Steel Woods/On Your Time (Southern Rock)

-The Weathered Souls/Till The Morning Souls (Southern Rock)

-Them Dirty Roses/Lost In The Valley Of Hate & Love Vol.1 (Southern Rock)

Francesco Andrea Brunale

Karma “k3”

Heroes and Monsters “Same”

Crosses “Goodnight, God Bless, I Love U, Delete”.

Alessio Antonietti

1 CIRITH UNGOL – “Dark Parade” 

 2 EXTREME “Six” 

 3 URIAH HEEP “Chaos & Color”

 4 ROLLING STONES “Hackney Diamonds” 

  5 HEAVY LOAD “Riders of the Ancient Storm”  6 METALLICA “”72 seasons”

7 ALICE COOPER “Road”

 8 OVERKILL – “Scorched”  

9 WINGER Proud Desperado 

10 TYGERS OF PAN TANG – “Bloodlines” 

Antonino Sturniolo

Necrodeath – Singing The Pain

Sadus – The Shadow Inside

King Gizzard & The Lizard Wizard – PetroDragonic Apocalypse; or, Dawn of Eternal Night: An Annihilation of Planet Earth and the Beginning of Merciless Damnation

KK’s Priest – The Sinner Rides Again

Voivod – Morgoth Tales

Evile – The Unknown

Raven – All Hell’s Breaking Loose

Metallica – 72 Seasons

Cannibal Corpse – Chaos Horrific

Overkill – Scorched

Metal Church – Congregation Of Annihilation

Francesco Bommartini

Il termine rock per me non ha mai rimandato a una chiusura bensì al suo contrario. Immagino perché lo ritengo il genere di rottura per eccellenza, cui si sono legate negli anni innumerevoli sfumature.

Per questo noterete fin da subito che questa mia classifica, scritta su un sito che ha un nome che rimanda a un’idea che potrebbe essere interpretata molto diversamente, contiene molti lavori che con una certa idea di intendere il rock hanno poco a che fare. 

D’altronde i miei oltre 20 anni di ascolto indefesso questo mi suggeriscono oggi. Prendete questa mia lista, quindi, come un consiglio che darei a un buon amico.

Shining – “Shining”

Federico Dragogna – “Dove nascere”

Asinhell – “Impii hora”  

Calcutta – “Relax”

Baroness – “Stone”

Lucio Corsi – “La gente che sogna”

Immortal – “War against all”

King Krule – “Space Heavy”

Umberto Maria Giardini – “Mondo e antimondo”

James Yorkstone, Nina Persson and the Second Hand Orchestra – “The great white sea eagle”

Segnalazioni extra:

Cani dei Portici – “Hype for nothing”

Karma – “K3”

Dying Fetus – “Make them beg for death”

Colapesce/Dimartino: “Lux Eterna Beach”

Dente – “Hotel Souvenir”

Endless Harmony – “Emerge” (EP)

EXTRA (ristampe, ep, singoli)

Rem – “Up (25th Anniversary)” (RISTAMPA)

Baustelle – I Cani – “Baustelle – I Cani” (SINGOLO)

Spiritual Front – “The Queen is not dead” (COVER)

Gianni Della Cioppa

Da anni non segno più i dischi che acquisto, quindi mi trovo sempre spaesato quando devo fare una sorta di consuntivo dell’anno. Diciamo che spulciando qualche lista e le classifiche in giro delle varie riviste, sono certo che questi dischi sono i più importanti per il mio 2023, come sono certo che ne ho dimenticato più di qualcuno. Importante: l’ordine è casuale.

URIAH HEEP Chaos & colour

ENDLESS HARMONY Emerge

DAMN FREAKS III

ANDREA RA Urlo eretico

OMAR PEDRINI Sospeso

THE ELEPHANT MAN Sinners

ANTONIO GIORGIO Imajica

THE LAST DROP OF BLOOD Season II

EGO59 Tempi così

KARMA K3

GRETA VAN FLEET Starcatcher

TYGERS OF PAN TANG Bloodlines

CROWN LANDS Fearless

MOTO ARMONICO Wondering land

LIGABUE Dedicato a noi

DIRTY HONEY Can’t find the brakes!

ROGUE DEAL Escape from justice

RIKOCHET Kanaesthesia Empathia

FURIO CHIRICO’S THE TRIP Equinox

IL SEGNO DEL COMANDO Il domenicano bianco

STILL MOUNTAINS Artemis

SIGUR RÓS Átta

MOON SAFARI Himlabacken Vol. 2

IGGY POP Every loser

SHAME Food for worms

SUPER PINK MOON Iron Rain

ANGEL Once Upon A Time

EXTREME Six

WINGER Proud desperado

CIRITH UNGOL Dark parade

ALICE COOER Road

EDGE OF FOREVER Ritual

DGM Life

HEAVY LOAD Riders of the ancient storm

METALLICA 72 Seasons

HAKEN Fauna

TESSERACT War of being

THE WINERY DOGS III

LORENZO DEL PERO Nato il giorno dei morti

UMBERTO MARIA GIARDINI Mondo e antimondo

THE STRUTS Pretty vicious

GREEN LUNCH This heathen land

BLACK STONE CHERRY Screamin’ at the sky

DANKO JOONES Electric sounds

IRA GREEN Tutti i colori dell’ira

HEX A.D. Delightful sharp edges

PETER GABRILE I/O

FOO FIGHTERS But here we are

PAUL RODGERS Midnight rose

STEVEN WILSON The harmony codex

QUEENS OF THE STONE AGE In times new roman

ROYAL THUNDER Rebuilding the mountain

RUNAWAY TOTEM Creators

THE ROLLING STONES HAckney diamonds

«LIVE, OST, RACCOLTE, POSTUMI, INEDITI, TRIBUTI, RISTAMPE » :

MASSIMO RIVA Sangue nervoso (Or. 1995)

VARIOUS Cherry Stars Collide – Dream Pop Shoegaze & Ethereal rock 1986-1995 (4 cd box)

ORPHANED LAND 30th Anniversary/Live In Tel-Aviv (cd+dvd)

GLENN HUGHES & ROBIN GEORGE “Overcome”

Silvia Mento

01. URIAH HEEP ‘Chaos & Colour’
02. RIVAL SONS ‘Darkfighter’
03. KARMA ‘K3’
04. SORCERER ‘Reign Of The Reaper’
05. AHAB ‘The Coral Thombs’
06. OVERKILL ‘Scorched’
07. AVENGED SEVENFOLD ‘Life Is But A Dream…’
08. ENSLAVED ‘Heimdal’
09. CULTURA TRES ‘Camino De Brujos’
10. SHYLMAGOGHNAR ‘Convergence’

I migliori tre album italiani del 2023
ELDRITCH “Innervoid”
EDGE OF FOREVER “Ritual”
DGM “Life”

Massimiliano Sebastiani

È sempre compito arduo stilare la classifica di un anno specifico, tra album dimenticati , album magari abbandonati
dopo pochi ascolti, ma che sicuramente con gli anni risulteranno essere vincenti e album che viceversa oggi ti
entusiasmano è che invece non sapranno reggere il peso del tempo. Inoltre tra metal, rock, pop, alternative è un
continuo bombardamento di titoli, nuovi uscite, ristampe e new sensation. Ma il bello è proprio questo: lasciarsi
incuriosire, sedurre e qualche volta abbandonare, conla soddisfazione di scoprire sempre qualcosa di nuovo che ti faccia stare bene.


E allora proviamoci!!
1) Boygenius “The Record”
2) The Last Internationale “Running For A Dream”
3) Within Temptation “Bleed Out”
4) Fever Ray “Radical Romantics”
5) Sigur Ros ”Atta”
6) The Kills ”God Games”
7) Slowdive ”Everything Is Alive”
8) Blonde Redhead “Sit Down For Dinner”
9) In Flames “Foregone”
10) Depeche Mode “Memento Mori”
11) Godsmack ”Lighting Up The Sky”
12) Extreme “Six”
13) The Hives “The Death Of Randy Fitzsimmons”

14) Beach Fossil “Bunny”
15) Bully “Lucky For You”