FAVOLOSO!!! Ed ora potrei chiudere la recensione, ma “Dark Parade” merita un attenta disamina.
Questo è un disco di “Heavy Metal”, è il capitolo conclusivo di una band che in 40 anni ha pubblicato sei dischi tutti di ottima fattura senza passi falsi, una band coerente che ha mantenuto alta fin dal primo disco del 1981 “Frost And Fire” l’asticella del loro Heavy Doom con i loro testi intrisi di J.R.R. Tolkien, Elric di Melniboné (Tutte le copertine degli album della band sono tratte dalle illustrazioni ufficiali della saga letteraria Elric di Melniboné di Michael Moorcock).
La band è composta dai membri storici “Robert Garven”, “Tim Baker”, “Greg Lindstrom”, “Jim Barraza” ( lo storico chitarrista della band, “Jerry Fogle” è morto nel 1998) e dal “nuovo” bassista “Jarvis Leatherby.

Addio al re: i Cirith Ungol chiuderanno la lunga carriera dopo i concerti del 2024!!


L’album inizia con “Velocity (S.E.P.)”. e già da questo brano si capisce cosa dovremo aspettarci da questo disco.
Suoni sempre in altalena tra riff duri, melodia in stile “Cirith Ungol” e la voce straziata di “Tim Baker”. Stessa cosa con la successiva “Relentless”.
La terza “Sailor On The Seas Of Fate” è un autentico capolavoro epico, 8 minuti in cui si viene trasportati dai Porti Grigi, conosciuti come Mithlond,il principale porto di partenza per gli Elfi che desideravano abbandonare la Terra di mezzo, fino alla cavalcata finale nel “Fosso Di Helm”.
“Sacrifice” quasi arabbeggiante in alcuni frangenti e “Looking Glass” sono altre 2 perle di rara bellezza.
“Dark Parade” doom allo stato puro con i suoi cambi di tempo e il lavoro favoloso dei 2 chitarristi.
Chiudono “Distant Shadow” e “Down Below” degna chiusura di questo capolavoro.

Purtroppo come detto all’inizio della recensione questa è stata l’ultima fatica della band americana, sono infatti arrivati a lavoro terminato 2 comunicati da parte dei “Cirith Ungol”: la separazione dal chitarrista “Jimmy Barraza” (sembra per motivi di salute) e il loro ritiro dalle attività live al termine del 2024.
Quindi attenti alle date perché sarà (credo) l’ultima volta che li potremo vedere, prima che “Shelob” li riporti nella sua tana.

Alessio Antonietti

Tracklist:

01. Velocity (S.E.P.)
02. Relentless
03. Sailor On The Seas Of Fate
04. Sacrifice
05. Looking Glass
06. Dark Parade
07. Distant Shadows
08. Down Below

Line Up:

  • Tim Baker – voce
  • Greg Lindstrom – chitarra
  • Robert Garven – batteria
  • Jim Barraza – chitarra
  • Jarvis Leatherby – basso